Ott 5, 2021 | Coaching

5 Errori che ti impediscono di raggiungere il tuo obiettivo

Ti è mai capitato di lavorare a lungo su un obiettivo personale o professionale e di non riuscire comunque a raggiungerlo, nonostante gli sforzi? Sì, vero? Lo so, non sei la sola. Benvenuta nel club!

Se tempo e impegno fossero sufficienti per realizzare i nostri progetti, non sarebbe un problema, basterebbe avere pazienza e disciplina per farcela, e invece non è così.

Ma allora che cosa serve davvero?

Bella domanda!

Ogni situazione è diversa, così come lo è ogni persona, quindi, è impossibile individuare un metodo universale che funzioni per tutti.

Una cosa è certa, però, nella mia esperienza, ci sono alcuni errori che possono davvero impedirti di raggiungere i tuoi obiettivi.

Articoli correlati:

“4 Consigli per cambiare strada professionale”

“Mi serve un life coach?”

“Perché i buoni propositi non funzionano”

 

Prima di vedere insieme quali sono questi errori, ci tengo a fare una piccola ma fondamentale precisazione riguardo al concetto di obiettivo.

Un obiettivo per essere raggiungibile deve essere prima di tutto nella tua “sfera di controllo”. Che cosa significa? Significa che il suo raggiungimento deve dipendere principalmente da te, non da altri.

Per esempio, se dici che il tuo obiettivo è riuscire a correre 5 km al giorno, è raggiungibile, perché dipende solo da te e non richiede la partecipazione o l’impegno da parte di altri. Sarai tu a doverti allenare per farcela.

Se invece il tuo obiettivo è quello di far tornare il tuo ex insieme a te, o risolvere un conflitto con un’amica, allora diventa problematico. Per raggiungere questi obiettivi, infatti, hai bisogno che l’altra persona desideri la stessa cosa e sia disposta ad impegnarsi con te. E se non lo fosse? Non puoi certo imporre la tua volontà ad altri! Ecco perché questo obiettivo è fuori dal tuo controllo.

Chiaro? Bene, ora andiamo a vedere quali sono questi errori che ti impediscono di raggiungere i tuoi obiettivi.

1 – L’obiettivo non è chiaro

 

Ti sembrerà scontato, eppure questo passaggio non è facile come sembra.

Durante l’incontro conoscitivo gratuito che offro ai miei clienti, chiedo di dirmi quale sia il loro obiettivo e ti assicuro che molti faticano a definirlo in modo chiaro e coinciso.

Ma se l’obiettivo non è chiaro, come puoi pensare di raggiungerlo? Sarebbe come partire per una destinazione con un indirizzo vago o incompleto. Come faresti ad arrivarci?

Ecco perché definire il più possibile ciò che si sta cercando di ottenere è il primo passo per riuscirci.

Io suggerisco sempre di scrivere nero su bianco il tuo obiettivo. Finché resta solo nella tua testa ti sarà difficile essere precisa. Quando scrivi, invece, sei costretta a riflettere bene sulle parole che scegli per descriverlo ed è più semplice essere sintetica senza perderti in discorsi senza fine.

L’ideale sarebbe riuscire a descrivere il tuo obiettivo in una frase.

Ad esempio: “Entro i prossimi tre mesi, voglio trovare un lavoro che mi consenta di guadagnare x al mese.”

Se noti, l’obiettivo è chiaro, sintetico, ha dei valori precisi e ha anche un termine temporale.

Altra cosa: esprimilo in positivo. Per esempio: “Non voglio più sentirmi in ansia quando devo fare una presentazione”, non va bene, perché dici quello che non vuoi, ma non quello che vuoi.

Come vorresti sentirti invece? Concentrati su quello. Un buon modo di riscrivere l’esempio precedente potrebbe essere “Voglio trovare un metodo per sentirmi sicura quando devo fare delle presentazioni”.

2 – Le tue motivazioni non sono abbastanza forti

 

Mi spiego meglio: le ragioni per cui desideri ottenere qualcosa, giocano un ruolo importantissimo nel successo dell’impresa. Rappresentano infatti le tue motivazioni intrinseche, ovvero ciò che ti darà la forza, il coraggio, la disciplina e la costanza che ti serviranno per realizzare il tuo progetto.

Impegnarsi per raggiungere un obiettivo, tanto più se ambizioso, richiederà tempo ed energia e ti troverai inevitabilmente a dover affrontare delle difficoltà. Ci saranno momenti in cui vorrai mollare o in cui non saprai proprio come andare avanti.

Bene, sarà proprio in questi momenti che scoprirai se le tue motivazioni sono forti abbastanza.

Alcuni esempi di motivazioni forti sono la passione (ad esempio, vuoi imparare a parlare giapponese perché ami il Giappone e vuoi essere in grado di comunicare con le persone durante i tuoi frequenti viaggi, oppure i tuoi valori personali (credi fortemente nella solidarietà e vuoi creare un’associazione di volontariato).

 

Sai invece quali motivazioni non aiutano affatto? Se vuoi fare qualcosa perché lo fa la tua migliore amica, o la conoscente che non reputi nemmeno essere molto in gamba e quindi, “se lo fa lei che è meno (inserisci aggettivo a scelta) di me, allora a maggior ragione devo farlo anch’io”.

Invidia e competizione sono pessimi motivi per decidere di fare qualcosa e, per esperienza professionale, posso tranquillamente dirti che non funzionano mai.

Probabilmente perché spingono le persone ad impegnarsi in progetti a cui, in fondo, non sono davvero interessate o per i cui non hanno la preparazione o il carattere necessario per portarli avanti.

Altri motivi totalmente inutili sono il desiderio di rivalsa (“devo dimostrare al mio capo, ex, vicino di casa che so fare x”) o il bisogno di compiacere altri (“i miei genitori o il mio partner si aspettano questo da me”).

Tu per quale ragione stai perseguendo il tuo obiettivo?

Prova a rispondere onestamente a questa domanda e rifletti con calma sul significato di ciò che emerge.

3 – La tua strategia non è sostenibile

 

Prima di tutto, hai una strategia? O improvvisi? Agisci a caso e solo quando ne hai voglia? Hai dai parametri precisi per misurare i tuoi progressi?

Comincia a scrivere un “piano d’azione” per raggiungere il tuo obiettivo: cioè che cosa farai nello specifico, dove, quando, quanto spesso e a che ora.

Abituati anche a misurare i tuoi progressi: se il tuo obiettivo è stato formulato correttamente (vedi punto uno), dovresti riuscire a farlo senza difficoltà.

Detto questo, a volte scegliamo delle strategie che si rivelano insostenibili, specialmente a lungo termine.

Questo è un errore estremamente comune, ed è la ragione per cui molte persone abbandonano i propri progetti.

Una strategia è insostenibile se risulta impossibile da mantenere per più di qualche mese.

Quando pianifichi le azioni che dovrai fare per raggiungere il tuo obiettivo, tieni in considerazione quanto tempo hai realmente durante la giornata e se queste azioni sono fattibili o troppo ambiziose.

Quante ore puoi dedicare al tuo progetto ogni giorno? Due? Una? O forse solo 20 minuti?

Puoi lavorarci solo il Sabato, per quante ore esattamente?

Prendi un impegno solo se sai di poterlo mantenere, non ha senso lavorare sul tuo obiettivo un’ora al giorno per un mese e poi mollare perché sei troppo stanca e non ce la fai più!

Meglio, dedicare 20 minuti al giorno, tutti i giorni, per un anno e arrivare al traguardo!

 

4 – Ti blocchi quando incontri una difficoltà

 

Ogni obiettivo o progetto su cui lavorerai, prima o poi presenterà delle difficoltà.

D’altronde, se il tuo obiettivo non è almeno un po’ sfidante, significa che non stai osando abbastanza.

Magari è il tempo a mancarti, oppure la strategia che segui non sembra darti i risultati sperati.

In alcuni casi possono mancare competenze specifiche per realizzare qualcosa, oppure dubbi e paure bloccano al punto da non riuscire più ad agire.

Tutto questo è assolutamente normale!

L’importante è non lasciare che gli ostacoli fermino il tuo cammino.

Solo perché un obiettivo si rivela complesso, non significa che sia impossibile da raggiungere e che tu non ne abbia la capacità.

Ogni problema è come un puzzle da risolvere, pezzo dopo pezzo, provando tutte le opzioni che hai a disposizione.

Usa la creatività, cambia la tua prospettiva e se proprio non sai più che cosa fare, chiedi aiuto!

Abbandonare il tuo obiettivo potrà sembrarti la cosa più semplice da fare nel momento di difficoltà, ma come ti sentirai dopo?

Sei certa che non avrai rimpianti in futuro? E se dovessi incontrare qualcuno che ha raggiunto il tuo stesso obiettivo, perché non ha mollato, come reagiresti?

Ricordati, sono le sfide più dure che regalano le soddisfazioni più grandi!

5 – Vuoi fare tutto da sola

 

Come dicevo qualche riga fa, se proprio non sai come andare avanti, chiedi aiuto.

Ostinarti a voler fare tutto da sola è un errore che si paga molto caro.

Nessuno di noi è in grado di fare tutto, e credere di non avere nulla da imparare dagli altri o di poter eguagliare un professionista è segno di ingenuità, per non dire di arroganza.

Se sono anni che cerchi di perdere chili seguendo diete e allenamenti fai da te e non ci riesci, è ora di rivolgerti ad un nutrizionista o un personal trainer.

Se hai lanciato un business e non trovi clienti, non dire che “in Italia non si può avere un’attività in proprio” se non hai investito in un sito web professionale, in marketing o in consulenze con professionisti del settore.

Se sei tra quelle persone che pensano di non avere bisogno d’aiuto, che l’esperienza degli altri non abbia valore, che per te è “diverso”, ti do una notizia: da sola non andrai molto lontano.

Tutte le persone che hanno raggiunto risultati e realizzato i loro sogni, lo hanno fatto investendo in risorse che loro stesse non possedevano.

Questo è vero per le persone comuni, così come per le celebrità, o forse pensi che atleti, attori, musicisti di fama mondiale facciano tutto da soli?

Chiedere aiuto non è un segno di debolezza, ma di intelligenza (l’intelligenza di capire quali sono i nostri limiti) e di dedizione per il proprio obiettivo. Perché quando desideri davvero qualcosa con tutte le tue forze, sei disposta a fare di tutto per ottenerlo.

Tu quanto desideri davvero raggiungere il tuo obiettivo?

 

Se il tuo obiettivo è importante per te, non perdere tempo cercando di fare tutto da sola, vieni a conoscermi!

Contattami per avere maggiori informazioni o per prenotare la tua sessione di prova gratuita!

Ultimi articoli

Articoli

6 Segni che è ora di cambiare lavoro

6 Segni che è ora di cambiare lavoro

Il 2020 ci ha segnati sotto molti punti di vista, questo è indubbio.Uno degli effetti a mio avviso più significativi della pandemia e dei conseguenti periodi di lockdown, è quello di aver portato le persone ad interrogarsi sulla propria vita.Questo fenomeno si deve in...

leggi tutto

TELL ME ABOUT YOU OR
REQUEST INFORMATION


    × Come posso aiutarti?